DICONO DI NOI

Dicono Di Noi

I commenti e le opinioni delle persone che hanno frequentato Impact Hub

Andrea Costi

Chi sei?
Mi occupo di strategie per lo sviluppo locale, analisi dei sistemi urbani e di riqualificazione urbana. Nell’ultimo periodo mi sono concentrato sulla progettazione e gestione di percorsi partecipativi e sui processi di riuso temporaneo di edifici e spazi aperti. Incuriosito da troppe cose, sono sempre alla ricerca di argomenti nuovi e/o innovativi...e se li scopro davanti a uno spritz è ancora meglio!
Cosa vuol dire per te Innovare?
Domanda difficile! L'innovazione per me non è tanto nel risultato finale, quindi un prodotto o un servizio, quanto nel processo che c'è dietro: la ridefinizione e il ripensamento del metodo di lavoro, la costruzione di nuove reti di professionisti con formazioni diverse e la condivisione di tecniche, conoscenze e risorse.
Perchè hai scelto Impact Hub?
Perché ho bisogno di un ambiente stimolante dove potermi confrontare quotidianamente con persone con formazioni diverse dalla mia e imparare e lavorare in un ambiente attivo, ricco di eventi culturali, di incontri e di momenti di scambio reciproco: in una parola, di co-working.

Antica Proietteria

Chi siete? Cosa fate?
(da sx) Samuele Huynh Hong Son, Luca Cataldo, Zuth F. Venanzoni.
Siamo proiettari, ovvero consulenti e ideatori di videoproiezioni creative in ambito artistico e commerciale.
Cosa vuol dire fare innovazione?
Immaginare e realizzare progetti fruibili e condivisibili e non solo per se stessi.
Come mai avete scelto Impact Hub?
Perchè è stimolante e ci fa incontrare persone, ci toglie dalla routine casalinga e stimola la nostra creatività.

Matitachiara

Chi sei/cosa fai?
Sono Chiara, illustratrice, copywriter, social media manager... da poco freelance.
Quale è la tua concezione di innovazione?
Innovazione uguale cambiamento intelligente.
Perchè hai scelto Impact Hub?
Per tante ragioni, ma la principale è perchè è un orto di idee che si contaminano grazie all'entusiasmo.

 

Matteo, Enrico, Alessandro

Presentatevi, chi siete e cosa fate?
Siamo un gruppo di 3 ragazzi universitari che ha deciso di unirsi per la realizzazione di un progetto. Oltre lo studio universitario ci impegniamo per il raggiungimento di un obiettivo comune, cioè quello di creare qualcosa che possa essere di aiuto alle persone, che possa facilitare alcuni aspetti della loro vita. Sappiamo che la strada sarà lunga e difficoltosa, ma noi non vediamo l’ora di percorrerla!
Cosa vuol dire per voi innovare/Quale è la vostra concezione di innovazione?
Innovare significa portare tutti i vantaggi che la tecnologia offre nel mondo reale, aiutando le persone a svolgere meglio il proprio lavoro o migliorando il modo in cui approcciano la vita di tutti i giorni.
Perché avete scelto ImpactHub e lo stile coworking?
ImpactHub ci permette di lavorare in un luogo stimolante, in cui possiamo condividere le nostre idee (e i nostri dubbi) con altre persone, chiedere loro opinioni e punti di vista che altrimenti non avremmo.

 

Nicola Trolli

Presentati, chi sei e cosa fai?
Technical writer dal 1996. Libero professionista. Mi occupo di redazione manuali di istruzione per macchine industriali, principalmente del settore alimentare, del legno e dei bitumi. Appassionato di teatro, praticante da 5 anni, e di scrittura teatrale, con la produzione di alcuni testi. Mi piace scoprire e conoscere storie di fatti storici e persone per trasformarli in forma teatrale e farli rivivere su un palcoscenico.
Cosa vuol dire per te innovare/Quale è la tua concezione di innovazione?
Innovare per me significa farsi contaminare, senza pregiudizio, dall’incontro con persone e attività anche diametralmente opposte alla mia. Significa saper cogliere, dalla condivisione di spazi o di situazioni, i suggerimenti, gli stimoli e l’entusiasmo altrui.
Perchè hai scelto ImpactHub e lo stile coworking?
Sono in un coworking per un contenimento dei costi fissi e per evitare il tempo perso in burocrazie e problematiche legate ad una sede di proprietà. Oggi posso dire che sono in Impact Hub anche perché è diventato uno strumento e una risorsa in più per la mia attività.

 

Officina 3Dlab

Presentati, chi sei e cosa fai?
Sono officina 3D lab, faccio service di stampa, scansioni 3D, vendo stampanti 3D e faccio formazione sempre legata a questi due ambiti.
Cosa vuol dire per te innovare?
Innovare vuol dire ricercare cose nuove o nuovi modi di usare cose già esistenti, sia cose fisiche che modi di agire.
Perché sei in un coworking? E perché Impact Hub?
Per due motivi, quello economico (si spende meno che a stare da soli) e per il concetto di hub stesso, qui ci si può incontrare discutere e trovare nuove vie.

 

Pigro

Presentatevi, chi siete e cosa fate?
Il nostro team si è aggregato circa due anni fa intorno ad un semplice obiettivo: migliorare il modo di ricercare e leggere le informazioni presenti online. L’idea è nata a scuola dall’incontro tra Nicolò Magnanini, allora studente dell’istituto Pascal di Reggio Emilia ed oggi studente universitario di informatica, e Daniele Galvani, professore con apprezzata esperienza nel campo imprenditoriale. Al gruppo si è presto aggiunto Armando Fontana, anch’egli docente e con esperienza nel campo della grafica e della comunicazione. Un gruppo eterogeneo che è riuscito a dirigere le proprie competenze ed intuizioni verso la realizzazione di un prodotto che presto potrebbe essere immesso sul mercato. Certo, le difficoltà incontrate non sono state poche, e spesso ci siamo trovati di fronte ad un vicolo cieco. Più volte abbiamo smontato e rimontato il nostro progetto ed a volte abbiamo creduto di aver esaurito la spinta creativa. Uno dei momenti più critici è stata la non ammissione a Startup Chile. Adesso però stiamo partecipando con grande entusiasmo a Startcup Emilia e, attraverso i vari e serrati passaggi del contest, siamo riusciti a raffinare ulteriormente la nostra idea che, oggi, possiamo dire matura.
Cosa vuol dire per voi innovare/Quale è la vostra concezione di innovazione?
Cooper: Mankind was born on Earth. It was never meant to die here. (Interstellar movie) Siamo esploratori, non c’è dubbio alcuno. La sfida risiede nel come esserlo e noi siamo accumunati da un intento virtuoso. Le idee sono molto ambiziose ma anche piene di una passione umana che istintivamente mette sempre al centro dei nostri progetti l’uomo in quanto essere nobile e complesso, non solo numeri e percentuali. Potremmo dire - brevemente - che innovare significhi trovare soluzioni, più in linea con i tempi, efficaci e vantaggiose, a vecchie esigenze o, anche, generarne di nuove. Possiamo così, ad esempio, pensare di innovare un processo, un pensiero, un mercato, ecc.. L’innovazione tecnologica discende da questi mutamenti ma ne è anche coautrice o anticipataria. La velocità con la quale si propagano, condividono e analizzano le informazioni in tutto il pianeta rende possibile il concepimento e l’affinazione di idee formidabili che sempre più spesso riescono ad affiorare trasformandosi in un patrimonio stabile di scoperte scientifiche, prodotti e servizi dai quali non si può più prescindere. Nel nostro caso “l’innovazione” mette al centro la pigrizia, (da qui il nome): il nostro prodotto permetterà di informarsi meglio, rapidamente e senza sforzo. Garantito.
Perché avete scelto Impact/un coworking?
Ci sembra un momento fondamentale ed un’opportunità straordinaria, per una startup, avviare il proprio lavoro all’interno di uno spazio condiviso. Il confronto con le esperienze di altri team ed il dialogo con persone che hanno formazione e progetti diversi dal nostro è sicuramente un arricchimento del percorso umano e progettuale. Un coworking ben gestito è in grado di generare contaminazioni positive, di fornire servizi e occasioni di formazione che potranno far germinare nuove soluzioni e accelerare lo sviluppo dei progetti. Riteniamo che Impact abbia in sé queste qualità e che possa rispondere egregiamente alle necessità di una startup, soprattuto se formata per intero da giovani alla loro prima esperienza. Non taciamo, infine.. la comodità del divano, notevole punto di forza dell'Hub di Reggio Emilia!

 

Mey, Giovanni, Lorenzo

Presentatevi, chi siete e cosa fate?
Siamo Mei, Giovanni e Lorenzo studenti della scuola superiore Blaise Pascal e siamo stati 3 settimane all’Impact Hub per l’alternanza scuola lavoro.
Cosa vuol dire per voi innovare?
Innovare vuol dire modificare introducendo elementi di novità, modernizzare.
Come vi siete trovati in Impact Hub?
Ci siamo sentiti come a casa, il posto è molto accogliente, la gente che ci lavora è simpatica e disponibile, non vediamo l'ora di tornare per far la differenza!!